Politica dei reclami

Politica dei reclami


  • Possono essere reclamati solo i beni acquistati dal Venditore e di proprietà dell'Acquirente.
  • Se la proprietà non è ancora passata dal Venditore all'Acquirente, quest'ultimo, in conformità alla legislazione applicabile, dovrà liquidare il reclamo solo dopo il pagamento completo ai sensi del § 151 del Codice Civile.
  • Se l'acquirente è un consumatore - una persona fisica, i beni offerti sono garantiti per 24 mesi, se non diversamente specificato nella merce e sono soggetti alla legge sulla protezione dei consumatori e al codice civile.
  • Se l'acquirente non è un consumatore, si applicano le disposizioni del Codice del Commercio.
  • Il periodo di garanzia decorre dalla data di consegna della merce all'acquirente.
  • L'Acquirente è tenuto a presentare un reclamo al Venditore immediatamente dopo la scoperta del difetto.
  • La responsabilità per i difetti non si estende ai difetti causati dall'uso successivo:
  • danni meccanici causati dall'acquirente,
  • manipolazione impropria del prodotto in modo diverso da quello specificato nelle istruzioni per l'uso,
  • l'utilizzo dei beni in condizioni che non corrispondono all'ambiente naturale dei beni stessi,
  • utilizzo della merce in contrasto con le condizioni indicate nella documentazione, con i principi generali, con le norme tecniche o con le regole di sicurezza o con altre violazioni della garanzia.
  • Sono esclusi dalla responsabilità per i difetti anche i difetti causati da calamità naturali.
  • La responsabilità per i difetti esclude anche la normale usura della merce (o di parti di essa) causata dall'uso della merce. Una minore durata del prodotto non può quindi essere considerata un difetto e non può essere rivendicata.
  • La merce oggetto di reclamo deve essere spedita al nostro indirizzo (no contrassegno) o consegnata di persona all'indirizzo di contatto. La merce deve essere imballata in modo adeguato per evitare danni durante il trasporto. La merce deve essere accompagnata da una copia della prova d'acquisto (fattura) e si consiglia di allegare il modulo di reclamo compilato. I reclami devono essere inviati esclusivamente per iscritto (per posta) o di persona (non per e-mail).

Modulo di reclamo


  • Il Venditore confermerà il ricevimento del reclamo e rilascerà all'Acquirente una conferma del reclamo in forma adeguata. La data del reclamo sarà considerata la data di ricezione del Venditore. Se la conferma non può essere consegnata immediatamente, deve essere consegnata senza indebiti ritardi, ma al più tardi insieme alla prova di liquidazione del reclamo. La conferma del reclamo deve essere inviata per iscritto.
  • Il Venditore è tenuto a risolvere il reclamo entro 30 giorni dalla data in cui è stato presentato. Tuttavia, l'elaborazione del reclamo non può durare più di 30 giorni dalla data del reclamo. Dopo la scadenza del periodo di 30 giorni per l'elaborazione del reclamo, l'acquirente ha il diritto di recedere dal contratto di acquisto e gli verrà rimborsato l'intero importo della merce o ha il diritto di cambiare la merce con una nuova.
  • Diritti dell'acquirente in caso di reclamo:
  • In caso di difetti riparabili, l'Acquirente ha il diritto di farli riparare gratuitamente, correttamente e tempestivamente. Il venditore decide il metodo di rimozione del difetto. L'Acquirente può richiedere la sostituzione dell'articolo difettoso con un articolo privo di difetti anziché la riparazione, a condizione che ciò non comporti costi sproporzionati per il Venditore rispetto al prezzo della merce o alla gravità del difetto,
  • in caso di difetto insanabile che impedisca l'uso corretto dell'articolo per la sua destinazione, l'acquirente ha il diritto di sostituire l'articolo o di recedere dal contratto di acquisto (rimborso).
  • Un reclamo si considera risolto se la procedura di reclamo si conclude con la consegna della merce contestata, la sua sostituzione o il rimborso del prezzo di acquisto della merce, con un invito scritto ad accettare la prestazione o con un rifiuto motivato.
  • La non dannosità della merce deve essere verificata al momento del ricevimento della merce, in quanto la merce potrebbe essere danneggiata durante il trasporto; si consiglia agli acquirenti di disimballare la merce e di ispezionarla in presenza del corriere. Con la firma apposta al corriere si dichiara che l'imballo è integro.
  • I presenti termini e condizioni di restituzione sono parte integrante dei termini e condizioni generali e il venditore si riserva il diritto di modificarli in qualsiasi momento senza preavviso all'acquirente.

Procedura:


  • Dopo aver compilato il modulo, la merce danneggiata deve essere inviata al nostro indirizzo indicato nella sezione contatti di questo sito. La merce inviata in contrassegno non verrà ritirata.
  • Dopo aver esaminato la merce difettosa, procederemo con il reclamo in base alla normativa vigente.

 

COMPILARE IL MODULO DI RECLAMO

 

Risoluzione alternativa delle controversie (ADR)

 

Il 1° febbraio 2016 è entrata in vigore la legge n. 391/2015 Racc. sulla risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori e sulle modifiche e aggiunte ad alcune leggi. L'obiettivo di questa legge è creare una nuova possibilità per i consumatori di risolvere la loro controversia con il venditore in modo rapido, efficiente, meno formale e, soprattutto, gratuito o con costi minimi.

Chi risolve le controversie dei consumatori?

Una rete di enti elencati a cui i consumatori possono rivolgersi in caso di problemi con un venditore in relazione a un prodotto o servizio acquistato. Gli enti risolvono la controversia in via extragiudiziale, il processo è meno formale, ma devono seguire la procedura stabilita dalla legge.


Procedura


Se il consumatore non è soddisfatto del modo in cui il venditore ha gestito il reclamo o ritiene che il venditore abbia violato i suoi diritti, può contattare il venditore e chiedere un risarcimento. Se il venditore non risponde a questa richiesta entro 30 giorni dalla data di spedizione o risponde negativamente, il consumatore può rivolgersi all'organismo competente con la richiesta di avviare un'ADR.

Al ricevimento del reclamo, l'ente ne esamina la legittimità e decide se avviare l'ADR. Sulla base delle motivazioni indicate nel regolamento, l'ente può respingere il reclamo, informandone il consumatore.

Una volta avviata l'ADR, l'ente dovrà contattare sia il venditore che l'acquirente nel tentativo di risolvere la controversia. La controversia deve essere risolta entro 90 giorni, ma questo periodo può essere esteso per le controversie più complesse.


Cessazione dell'ADR


L'obiettivo dell'ADR è trovare una soluzione di compromesso per le parti della controversia e raggiungere un accordo.

Tuttavia, se le parti non riescono a raggiungere un accordo e vi è una violazione dimostrabile dei diritti del consumatore, l'ente redige un parere che chiarisce i diritti del consumatore e questo parere può servire come proposta per un procedimento giudiziario.